Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sulla faccia di Kim Jong-nam, fratellastro maggiore del leader nordcoreano Kim Jong-un morto il 13 febbraio, è stata versata una dose di nervino Vx pari a 1,4 volte circa quella considerata letale

KEYSTONE/AP/SHIZUO KAMBAYASHI

(sda-ats)

Sulla faccia di Kim Jong-nam, il fratellastro maggiore del leader nordcoreano Kim Jong-un morto il 13 febbraio all'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur, è stata versata una dose di nervino "agente Vx" pari a 1,4 volte circa quella considerata letale.

Raja Subramaniam, chimico del governo malese, ha detto nella testimonianza al processo in corso alla Shah Alam High Court contro Siti Aisyah e Doan Thi Huong, le due donne accusate dell'aggressione, di non poter dire direttamente se la dose sia stata sufficiente a ucciderlo.

Il nervino Vx è stato trovato sul volto di Kim Jong-nam, negli occhi e nel sangue, ha aggiunto Raja, che guida il Center of Chemical Weapons Analysis, mentre l'agente altamente tossico, in tracce o forme degradate, è stato rilevato sugli abiti indossati dalle donne il giorno del blitz, ha ricordato la stampa locale.

Raja ha stimato in 0,142 milligrammi per ogni chilo di peso corporeo la dose potenzialmente letale: il 50% della popolazione morirebbe al semplice contatto con la pelle. Sul volto di Kim la percentuale ipotizzata è stata di 0,2 milligrammi per chilo e alla domanda se fosse stata sufficiente a ucciderlo, l'esperto ha replicato di "non poter dare una risposta diretta. In base alle stime, la quantità è 1,4 volte la dose letale".

Negli occhi di Kim la percentuale di Vx era "solo" di 0,03 milligrammi per chilo a causa dell'assorbimento più rapido in quella parte del corpo rispetto alla pelle. Il nervino è stato rintracciato su colletto e maniche del suo blazer, forse perché aveva tentato di asciugarsi il volto dopo l'attacco.

Alla domanda sul perché alcuni reperti non fossero stati conservati per sottoporli all'esame della corte, Raja ha spiegato che la polizia malese gli chiese di restituire gli effetti personali di Kim, come blazer, borsa e catenina, dato che dovevano essere spediti in Corea del Nord.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS