Navigation

Corea Nord: Ue, aiuti alimentari urgenti da 10 mln euro

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 luglio 2011 - 09:44
(Keystone-ATS)

La Commissione europea ha reso noto che fornirà 10 milioni di euro di aiuti alimentari urgenti alla Corea del Nord allo scopo di combattere la fame che mette a rischio la sopravvivenza di oltre mezzo milione di persone.

"L'obiettivo del pacchetto di 10 milioni di euro - si legge nella nota - è di sostenere circa 650.000 persone, soprattutto nel nord e nelle province dell'est del Paese, perchè superino il peggior periodo del peggior anno per la produzione alimentare nell'ultimo periodo".

Gli aiuti, maturati dopo la lunga ispezione avuta da un pool di esperti dell'Ue nello Stato comunista, saranno consegnati sotto stretta sorveglianza ed è rivolto in particolare ai bambini sotto i cinque anni, alle donne in gravidanza, ai pazienti ricoverati in ospedale e alle persone più anziane.

Più di 6 milioni di persone, sul totale di 24 che popolano la Corea del Nord, avrebbero bisogno di assistenza urgente, in base a un rapporto dell'Onu di marzo, dal momento che soffrono di malnutrizione a livelli più o meno gravi.

Le sanzioni internazionali sui test balistici e nucleari, la politica intransigente verso il Nord da parte della presidenza sudcoreana di Lee Myung-bak e l'irrigidimento da parte dell' amministrazione Usa, che chiede atti concreti sulla denuclearizzazione, hanno portato al sostanziale declino degli aiuti alimentari e umanitari verso Pyongyang.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?