Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È cominciato stamani in Corea del Sud il processo per il naufragio del traghetto Sewol, nel quale ad aprile sono morte oltre 300 persone, in gran parte studenti in gita scolastica. Il comandante Lee Joon-Seok e gli altri membri dell'equipaggio imputati sono sfilati davanti alle tv in divisa da carcerati, con le manette e le braccia legate al petto una corda.

Il processo a Gwangjiu si svolge in un clima di grande tensione, con i famigliari delle vittime e l'intero Paese indignati per il comportamento negligente e irresponsabile dell'equipaggio, della compagnia armatrice e delle autorità marittime e di soccorso. Nessuno studio legale ha voluto assumere la difesa degli imputati e la corte ha dovuto nominare d'ufficio 6 giovani avvocati.

Il comandante e altri tre ufficiali sono accusati di omicidio per negligenza e rischiano la pena di morte. Altri 11 membri d'equipaggio sono accusati di reati meno gravi.

SDA-ATS