Navigation

Coree: Pyongyang minaccia "misure spietate" dopo ricorso Seul a Onu

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 giugno 2010 - 13:18
(Keystone-ATS)

SEUL - La Corea del Nord minaccia di prendere "misure spietate" a seguito del ricorso deciso dalla Corea del Sud al Consiglio di sicurezza dell'Onu, con l'obiettivo di chiedere sanzioni per l'affondamento della corvetta Cheonan, attribuito a un siluro di Pyongyang.
Escludendo ruoli in una vicenda costata la vita a 46 marinai e ripetendo la richiesta di poter verificare i risultati delle indagini della commissione internazionale sostenuta da Seul, un portavoce della potente Commissione nazionale di Difesa (Cnd) ha minacciato una "guerra totale" in caso di sanzioni.
Pyongyang, riferisce la Kcna, l'agenzia del regime, "realizzerà senza pietà le misure di risposta come il suo esercito e la sua gente hanno già ampiamente avvertito".
La Corea del Sud ha detto oggi che un team di esperti internazionali e di Seul presenterà lunedì al Palazzo di Vetro le conclusioni delle indagini sulla tragedia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.