Navigation

Coronavirus: amori transfrontalieri alla "ramina" elvetico-tedesca

In un tratto del confine le coppie si possono anche abbracciare. KEYSTONE/dpa/Felix Kästle sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2020 - 14:55
(Keystone-ATS)

Amori transfrontalieri, amori quasi proibiti in tempi di Covid-19: circa 100 persone si sono trattenute nella sola giornata di ieri da una parte e dall'altra della divisione metallica che separa da circa 2 settimane la svizzera Kreuzlingen (TG) e la tedesca Costanza.

La zona è normalmente liberamente transitabile per pedoni e ciclisti, ma ora un confine fisico divide le coppiette. "È dura", confida all'agenzia tedesca Dpa Peter Lorenz, un impiegato tecnico di Überlingen (D) che ha la fidanzata nella Confederazione. Se non si è sposati, non si può superare la frontiera. "È permesso solo incontrarsi sul confine, è un po' come ai tempi della DDR".

Ogni cinque giorni Lorenz e la sua ragazza fanno lunghi viaggi in auto per potersi abbracciare attraverso un punto accessibile della rete ("ramina" in italiano regionale ticinese). Non sono i soli a farlo. E tutti hanno la stessa speranza: "che il coronavirus sparisca rapidamente".

Su entrambi i lati del confine la polizia sorveglia la situazione, facendo in modo che non si riuniscano troppe persone. Un portavoce delle forze dell'ordine tedesche di Costanza ha indicato alla Dpa che comunque finora, almeno per quanto concerne la parte germanica, non vi è stato nulla da contestare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.