Navigation

Coronavirus: atterrati altri due voli, rientrati oltre 200 svizzeri

Proseguono incessanti i voli di rientro di turisti svizzeri (foto d'archivio). KEYSTONE/ALEXANDRA WEY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2020 - 08:30
(Keystone-ATS)

Due voli sono atterrati stamane a Zurigo con a bordo in totale oltre 200 svizzeri, rimasti bloccati all'estero per l'emergenza legata al coronavirus. Il primo è decollato dalla capitale dell'Ecuador Quito, il secondo dalla nota località turistica tailandese Phuket.

L'aereo da Quito ha toccato terra poco dopo le 6.00, si legge sul sito web del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Sul velivolo c'erano 117 passeggeri di cittadinanza elvetica e altri 182 in provenienza da altri Paesi europei.

Si tratta del sesto volo dal Sud America organizzato da Berna. In precedenza sono stati riportati a casa svizzeri da Lima (due volte), Bogotà, Santiago del Cile e Buenos Aires.

Intorno alle 7.50 è invece atterrato l'aereo da Phuket, con 120 connazionali e 57 persone di altre nazionalità europee. Era il secondo collegamento dalla Thailandia nell'ambito della vasta operazione di recupero che la Confederazione sta mettendo in atto, Un terzo è previsto dopodomani in provenienza da Bangkok.

A Zurigo oggi è atteso anche un volo da Phnom Penh, capitale della Cambogia. Dall'inizio della crisi causata dalla pandemia di Covid-19, il DFAE ha rimpatriato oltre 2000 svizzeri da America Latina, Asia e Africa, ma altre migliaia sono ancora in attesa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.