Navigation

Coronavirus: atterrato aereo con 231 svizzeri da Perù

Prosegue il rientro in patria dei turisti bloccati all'estero (foto d'archivio). KEYSTONE/ALEXANDRA WEY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 marzo 2020 - 11:00
(Keystone-ATS)

Prosegue incalzante il rimpatrio da parte della Confederazione degli svizzeri bloccati all'estero a causa del coronavirus. Oggi è stata la volta di un charter da Lima (Perù), atterrato a Zurigo poco dopo le 9.00 con a bordo 289 persone, fra cui 231 cittadini elvetici.

Gli altri passeggeri erano 56 stranieri residenti in Svizzera e due che vivono in altri Paesi europei, ha comunicato sul suo portale il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Si tratta del quarto volo nell'ambito di questa vasta operazione di recupero.

Come si legge sul sito web, l'ambasciata svizzera ha aiutato molti viaggiatori sparsi per il Perù a raggiungere Lima, nonostante la mobilità limitata nella nazione andina. Il personale si è occupato di loro fino al momento del decollo dal Sud America.

In totale, per ora sono state riportate a casa circa 800 persone. Tre aerei sono arrivati negli scorsi giorni da San José (Costa Rica), Casablanca (Marocco) e Bogotà (Colombia). Decine di ulteriori voli sono previsti prossimamente in provenienza da America Latina, Africa e Asia. Il DFAE ha citato Argentina, Cile e Senegal fra gli Stati interessati.

Finora si ha notizia di circa 17'000 turisti all'estero. Per rientrare dovranno accollarsi una parte dei costi, verosimilmente spendendo come per un normale biglietto aereo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.