Navigation

Coronavirus: Austria chiude i negozi "non essenziali"

Il governo di Sebastian Kzrz ha deciso, tra le altre cose, di chiudere i negozi non essenziali in tutto l'Austria. KEYSTONE/AP/Ronald Zak sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 marzo 2020 - 15:13
(Keystone-ATS)

L'Austria segue il modello italiano e chiude i negozi. Resteranno aperti solo alimentari, farmacie, banche, poste e pochi altro esercizi commerciali essenziali.

Da lunedì ristoranti e bar dovranno chiudere alle ore 15.00. Il cancelliere Sebastian Kurz ha rivolto un appello ai datori di lavori di consentire lo smart working.

La chiusura dei negozi - ha detto Kurz - "per il momento è prevista per una settimana". Chiuderanno anche le palestre, ha precisato. Le scuole resteranno invece chiuse fino a Pasqua.

Il governo austriaco ha anche individuato due zone rosse. Kurz ha annunciato l'isolamento della valle Paznaun e del centro sciistico St. Anton, dove si registrano dei focolai. Negli ospedali, che sono di competenza dei Länder, sarà introdotto un divieto di visite, ad eccezione dei reparti di pediatria e cure palliative.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.