Navigation

Coronavirus: Caritas, sempre più persone bisognose di aiuti

Sempre più gente bisognosa di aiuti si rivolge a Caritas KEYSTONE/CHRISTOF SCHUERPF sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 marzo 2020 - 10:10
(Keystone-ATS)

La crisi generata dal coronavirus ha ripercussioni drammatiche su numerose famiglie e persone che già prima vivevano con il minimo esistenziale. Caritas riceve sempre più richieste di sostegno e sta cercando di organizzare aiuti misurati.

Molte persone, che già prima della crisi avevano redditi modesti, vivono in un clima di incertezza. Tanti temono di perdere il posto di lavoro e le persone senza un impiego fisso devono far fronte a un calo delle entrate. Il numero di clienti che fanno la spesa nei 21 negozi Caritas in tutta la Svizzera è nettamente aumentato.

Alla paura di non riuscire a pagare le fatture del medico, i premi della cassa malati o l'affitto si aggiungono anche altri problemi, sottolinea un comunicato. Le famiglie devono organizzare la custodia dei figli e l'assistenza ai parenti bisognosi di cure. Per i genitori che lavorano nel settore sanitario, in particolare, i turni continuano ad aumentare e diventano sempre più lunghi, rendendo difficile potersi occupare anche della famiglia.

"In questa situazione precaria, le persone hanno bisogno del nostro sostegno. Insieme alle nostre organizzazioni partner della rete svizzera di Caritas stiamo attualmente valutando come predisporre in modo mirato gli aiuti nelle settimane a venire", spiega Hugo Fasel, direttore di Caritas Svizzera.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.