Navigation

Coronavirus: Cina, piattaforma online per medici del mondo

Global MediXchange for Combating COVID-19 (GMCC): la piattaforma cinese contro la Covid-19. KEYSTONE/EPA TASS/HOST PHOTO POOL/TASS/HOST PHOTO / POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2020 - 15:36
(Keystone-ATS)

La Fondazione Jack Ma e ha creato un piattaforma online per i medici di tutto il mondo nella lotta contro la malattia da nuovo coronavirus (COVID-19).

Oltre 490 istituzioni mediche di 109 Paesi e regioni hanno chiesto di aderire al programma Global MediXchange for Combating COVID-19 (GMCC), una piattaforma online creata dalla Fondazione Jack Ma e dalla Fondazione Alibaba.

La maggior parte delle richieste provengono da istituzioni mediche e da medici di Stati Uniti, Turchia, Gran Bretagna, Pakistan, Spagna e Germania.

Progettato affinché gli specialisti possano comunicare e condividere esperienze sul trattamento di COVID-19 a livello globale, GMCC fornisce loro teleconferenze gratuite e live chat.

I medici possono comunicare individualmente o in una chat di gruppo con l'aiuto di un traduttore di intelligenza artificiale in grado di interpretare in tempo reale fino a 11 lingue. Le teleconferenze possono anche essere riprodotte per superare i problemi del fuso orario.

"Sapere è potere! Abbiamo lanciato una piattaforma online per medici e infermieri di tutto il mondo al fine di scambiare idee, lezioni e know-how per combattere il virus. Invitiamo tutti gli ospedali a unirsi agli ospedali cinesi su questa piattaforma aperta", ha twittato Jack Ma.

Come parte del programma viene anche offerto gratuitamente un manuale online sulla prevenzione e il trattamento del COVID-19, compilato dai medici cinesi in prima linea.

Questo manuale fornisce le linee guida complete redatte dai migliori esperti sanitari cinesi nel trattamento di COVID-19. È ora disponibile in 14 lingue, tra cui cinese, inglese, francese, italiano, spagnolo, tedesco, giapponese, persiano, indonesiano e serbo. Le versioni in altre lingue saranno presto messe online.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.