Navigation

Coronavirus: Cina indica pangolino come possibile fonte virus

Potrebbe essere il pangolino il "colpevole" della mutazione del coronavirus. KEYSTONE/AP/DENIS FARRELL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 febbraio 2020 - 12:12
(Keystone-ATS)

Dopo i serpenti il pangolino: potrebbe essere questo l'animale selvatico nel quale il coronavirus dei pipistrelli è mutato, diventando capace di aggredire l'uomo.

A puntare l'indice su questo piccolo mammifero simile a un formichiere e minacciato di estinzione, nonché vittima di traffici illeciti, è la ricerca condotta in Cina da Shen Yongyi e Xiao Lihua, entrambi della South China Agricultural University (Scau) di Guangzhou.

La ricerca, basata su dati genetici, al momento è pubblicata soltanto sul sito dell'università cinese ed è questo uno dei motivi per cui è stata accolta con perplessità dalla comunità scientifica internazionale.

"Quest'ultima scoperta avrà un grande significato per la prevenzione e il controllo del nuovo coronavirus", si legge sul sito della Scau. L'ipotesi sembra plausibile, "ma la cautela è d'obbligo perché la ricerca non è stata ancora pubblicata", rileva la rivista Nature sul suo sito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.