Navigation

Coronavirus: CNE approva app geolocalizzazione a precise condizioni

La Commissione nazionale d'etica in materia di medicina umana (CNE) approva la geolocalizzazione con alcune riserve KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 aprile 2020 - 21:57
(Keystone-ATS)

Chiamata ad esprimersi dal Dipartimento federale dell'interno (DFI), la Commissione nazionale d'etica in materia di medicina umana (CNE) approva la geolocalizzazione dei telefoni cellulari tramite apposite app quale misura di lotta al coronavirus.

Non ci sono "considerazioni etiche fondamentali" che lo impediscano se vengono rispettate rigorose condizioni, afferma la CNE. L'uso dell'app deve ad esempio essere volontario, afferma la commissione in una presa di posizione riferita in serata dalla Radio SRF. L'applicazione informa l'utente se ha avuto contatti con una persona infettata dal coronavirus. Lo scopo è interrompere la catena di trasmissione della malattia.

Per rendere l'app accettabile, la popolazione deve essere sempre informata in modo trasparente, completo e regolare. L'applicazione dovrebbe anche registrare i dati in forma anonima e non sarebbe inoltre ammissibile localizzare una persona infetta utilizzando la geolocalizzazione in tempo reale. La CNE auspica infine una coordinazione a livello internazionale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.