Navigation

Coronavirus: commissione vuole sostenere traffico merci combinato

La Commissione dei trasporti del Nazionale vuole sostenere il traffico merci combinato KEYSTONE/PETER SCHNEIDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 maggio 2020 - 12:53
(Keystone-ATS)

Il trasferimento del traffico dalla strada alla ferrovia è messo in discussione dalla crisi legata al coronavirus a causa della maggiore attrattiva del traffico stradale.

Per questo motivo la Commissione dei trasporti del Nazionale (CTT-N) propone, con una mozione, di aumentare i contributi finanziari per ogni singolo transito. I costi globali rimangono immutati.

In una nota, la CTT-N spiega come "il significativo calo del traffico e il prezzo molto basso del carburante mettono a rischio la redditività economica della rete ferroviaria transalpina". Ciò mette in discussione gli investimenti consentiti per la realizzazione di una rete di collegamenti internazionali di trasporto combinato attraverso la Svizzera.

Parallelamente, dato il numero inferiore al previsto di treni e invii, i contributi d'esercizio per il traffico su rotaia iscritti a preventivo non saranno completamente impiegati. La commissione vorrebbe pertanto utilizzare questi fondi inutilizzati per aumentare la dotazione delle singole indennità.

Malgrado questa misura non abbia alcuna incidenza sul bilancio, attualmente non è possibile realizzarla poiché la legge in vigore prevede che l'importo dell'indennità media per invio trasportato deve ridursi di anno in anno. Per questo motivo la commissione propone di sospendere per due anni l'applicazione dell'articolo di legge interessato. La mozione è stata adottata con 15 voti contro 0 e 7 astensioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.