Navigation

Coronavirus: contagiata tutta l'UE. OMS, rischio pandemia è reale

Il coronavirus ha ormai contagiato tutta l'Europa: le persone infettate sono oltre 15'000, mentre i morti odierni hanno superato quota 500, di cui la maggior parte in Italia. KEYSTONE/EPA/Massimo Percossi sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2020 - 22:10
(Keystone-ATS)

Il coronavirus ha ormai contagiato tutta l'Europa: le persone infettate sono oltre 15'000, mentre i morti odierni hanno superato quota 500, di cui la maggior parte in Italia.

Con oltre 110'000 casi e oltre 4000 vittime in tutto il mondo, per l'Organizzazione mondiale della Sanità non si tratta ancora di pandemia ma "la minaccia" che lo diventi "è molto reale". E mentre in Cina continua la discesa dei numeri dei nuovi contagi e delle vittime, e in Corea del Sud il virus sembra rallentare il passo (7478 casi, 53 decessi), nell'Ue non si è nemmeno arrivati al picco.

L'Italia resta il Paese più colpito, ma il contagio si fa strada ovunque: in un solo giorno sono quasi raddoppiati i casi in Spagna arrivando a più di 1000 (28 i morti), così come hanno sfondato quota 1000 in Germania che registra le prime due vittime in Nordreno-Westfalia. In Francia i casi hanno superato quota 1400 e i morti sono 25, di cui uno in Corsica, ormai considerata un nuovo cluster nel Paese. In Grecia sono 84 i contagiati e preoccupa il primo caso registrato sull'isola di Lesbo, già sovraffollata dalla crisi dei migranti.

Sembra dunque farsi strada, tra i 27, la consapevolezza che per contenere il virus e i suoi danni non serva andare in ordine sparso. Il presidente del Consiglio europeo ha annunciato per domani una conference call con tutti i leader Ue: "Abbiamo bisogno di collaborare per proteggere la salute dei nostri cittadini", ha twittato, così come il presidente francese Emmanuel Macron ha invocato "un'azione urgente per coordinare le misure sanitarie e una risposta economica", convinto che "l'unione fa la forza".

Ma i contagi aumentano anche alle porte dell'Ue: restano nell'ordine delle centinaia in Gran Bretagna (319 casi e 5 morti), ma Londra prevede un aggravamento nei prossimi 10-14 giorni e si prepara a imporre l'auto-isolamento a chiunque abbia sintomi anche leggeri di influenza. Downing Street tuttavia al momento non sembra voler prendere altre misure di contenimento più drastiche che rischierebbero di "affaticare" la gente. Si registrano i primi due casi anche in Albania: un padre e un figlio rientrati da un viaggio a Firenze. Il premier Edi Rama ha immediatamente preso misure gravi come sospendere aerei e navi con l'Italia e chiudere le scuole per due settimane.

In base ai dati della Johns Hopkins University, l'Iran resta il quarto Paese più colpito: i casi sono 7161 mentre il bilancio delle vittime è salito a 237. L'ayatollah Ali Khamenei ha annullato il suo discorso per il Nuovo Anno persiano, che quest'anno cade il 20 marzo e che si tiene tradizionalmente a Machhad. Intanto per cercare di contenere la diffusione del virus nelle carcere le autorità hanno rilasciato con permessi "temporanei" 70mila detenuti, mentre si contano altri 27 morti per aver bevuto alcol denaturato convinti da una fake news che potesse contrastare la Covid-19. Solo la vicina Turchia rivendica ancora di non aver registrato alcun caso grazie al fatto di aver preso misure "in tempo", mentre Israele (che conta 39 casi) ha deciso di imporre la quarantena a chiunque arrivi dall'estero, senza più discriminazioni tra zone più o meno a rischio.

Hanno toccato poi quota 500 i casi di contagio in Usa, 21 i morti. Ma mentre il presidente Donald Trump continua a minimizzare i rischi legati al virus twittando che "l'anno scorso 37 mila americani sono morti per la comune influenza", il resto dell'amministrazione cerca di correre ai ripari invitando gli anziani a fare scorte di spesa e a prepararsi a rimanere a casa a lungo, e tutti a evitare di imbarcarsi sulle navi da crociera. La Grand Princess, cui è stato alla fine concesso il porto di Oakland, conta infatti 21 casi a bordo ma tutte le 3.500 persone a bordo dovranno rispettare la quarantena distribuite tra California, Texas e Georgia. L'India ha invece negato l'ingresso in porto alla Msc Lirica, nonostante la compagnia italiana abbia assicurato che a bordo non c'è nessun caso: ora prosegue la sua rotta verso il Golfo Persico. Infine la Costa Fortuna, rifiutata dalla Thailandia per la presenza di italiani benché senza sintomi, potrà finalmente attraccare domani a Singapore.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.