Navigation

Coronavirus: continuare con telelavoro, Unione città svizzere

Bisogna continuare con il telelavoro anche dopo l'11 maggio KEYSTONE/DPA/DANIEL NAUPOLD sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 aprile 2020 - 12:04
(Keystone-ATS)

Gli impiegati devono poter continuare a lavorare da casa anche dopo l'11 maggio per non sovraffollare i trasporti pubblici. È l'appello lanciato oggi ai datori di lavoro dall'Unione delle città svizzere.

Per l'associazione delle città il telelavoro va mantenuto per poter contenere il flusso di passeggeri nelle ore di punta. Solo in questo modo il viaggio con i trasporti collettivi potrà nuovamente essere accettato dai pendolari. Se la densità di viaggiatori dovesse crescere troppo, c'è infatti il rischio di un travaso di spostamenti a favore della strada.

Sempre in materia di mobilità, l'Unione delle città svizzere domanda a Berna che non vengano indennizzate unicamente le perdite per il traffico a lunga percorrenza e regionale, ma anche quelle del traffico locale. Le città e i loro trasporti pubblici sono infatti stati toccati dalle misure imposte dalla Confederazione in egual misura degli altri.

Insomma, tutte le imprese di trasporto devono poter ricorrere alla disoccupazione parziale, indipendentemente dalla loro forma giuridica. Ciò include dunque anche i trasporti pubblici urbani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.