Navigation

Coronavirus: da Mister dati OK a registrazione utenti ristorazione

Mister dati Adrian Lobsiger ora approva la registrazione dell'identità di chi frequenta bar e ristoranti, perché su base volontaria. Prima aveva posto un veto all'obbligo voluto dall'esecutivo di una registrazione generale di tutti gli avventori. KEYSTONE/PETER SCHNEIDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 maggio 2020 - 15:20
(Keystone-ATS)

L'incaricato federale della protezione dati Adrian Lobsiger ha approvato la registrazione, su base volontaria, dell'identità di chi frequenta bar e ristoranti, che il Consiglio federale prevede di introdurre dal 6 giugno.

Tre settimane fa "Mister dati" aveva posto un veto all'obbligo voluto dall'esecutivo di una registrazione generale di tutti gli avventori, sottolineando che non c'è una base legale per imporre agli esercenti controlli di identità generali sulla clientela. Ora l'obbligo di fornire i dati di contatto sussiste solo se le misure di protezione non sono rispettate.

Ieri il Consiglio federale ha annunciato che dal 6 giugno sarà abrogato il divieto per i ristoranti di accogliere gruppi di più di quattro persone. Saranno inoltre di nuovo permesse attività come il biliardo e la musica dal vivo. I locali dovranno chiudere entro mezzanotte e garantire la ricostruzione dei contatti. Le ordinazioni dovranno essere consumate ancora esclusivamente stando seduti. Per i gruppi di cinque o più persone, almeno una deve lasciare i propri dati di contatto, che devono essere distrutti dopo due settimane.

Anche discoteche e locali notturni dovranno tenere un elenco delle presenze e non potranno permettere più di 300 ingressi per sera. Bisognerà indicare nome e numero di telefono se la regola dei due metri di distanza non può essere osservata per più di quindici minuti.

Oggi Lobsiger ha dichiarato alla radio SRF che il suo ufficio è d'accordo con le misure, sia dal punto di vista della protezione dei dati che della proporzionalità. "Spetta a noi commentare la liceità e la proporzionalità di questa base giuridica in termini di protezione dei dati, e noi abbiamo accettato di farlo", ha sottolineato. "Il Consiglio federale si è ora assunto una chiara responsabilità politica per questo obbligo di raccolta dei dati e, la mia autorità non lo contesta", ha concluso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.