Navigation

Coronavirus: Ecdc, è presto per ridurre le misure

Non abbassare la guardia contro il coronavirus, afferma il Centro europeo per il controllo delle malattie. KEYSTONE/EPA/CENTERS FOR DISEASE CONTROL AND PREVENTION HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 aprile 2020 - 17:54
(Keystone-ATS)

"È troppo presto per iniziare a ridurre le misure di distanziamento fisico in Europa e in Gran Bretagna".

Lo afferma il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) nel suo ultimo documento di valutazione del rischio, in cui specifica che il picco dei casi in Europa non è ancora stato raggiunto.

"Prima di considerare l'eliminazione di qualsiasi misura - scrive il Centro - gli Stati membri (dell'Ue) dovrebbero assicurarsi di avere pronto un sistema test e di sorveglianza avanzato per monitorare le strategie di escalation e de-escalation delle misure e valutarne le conseguenze".

Sul territorio europeo, aggiunge l'Ecdc, c'è un grande aumento del numero dei casi e delle morti per Covid-19. Inoltre nelle settimane recenti il sistema di monitoraggio della mortalità per tutte le cause in Europa ha visto un eccesso nel tasso di mortalità in Belgio, Francia, Italia, Malta, Spagna, Svizzera e Gran Bretagna, soprattutto nella fascia di età sopra i 65 anni.

"Recentemente, in alcuni paesi europei, il numero di nuovi casi e di morti sembra essere diminuito leggermente. Tuttavia molti paesi dell'Ue al momento fanno i test solo su casi gravi o ospedalizzati, quindi questi trend devono essere interpretati con cautela. Nonostante le evidenze da Italia e Austria di un calo dei contagi al momento non c'è nessuna indicazione a livello europeo che il picco dell'epidemia sia stato raggiunto".

In questo periodo, ricorda ancora il documento, è importante la promozione del benessere mentale tra le persone costrette al distanziamento sociale, "per garantire che la popolazione abbia la resilienza necessaria a mantenere l'aderenza alle misure".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.