Navigation

Coronavirus: esperto, casi in Italia stimati 250'000-500'000

I casi di infezione da coronavirus in Italia - nella fotografia Piazza Duomo a Milano - potrebbero essere persino 500'000 secondo un esperto. KEYSTONE/EPA/DANIEL DAL ZENNARO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 marzo 2020 - 15:54
(Keystone-ATS)

I casi reali di coronavirus in Italia, ossia di persone con sintomi anche molto lievi, è da cinque a dieci volte superiore al numero dei casi accertati con il tampone. Ad oggi i casi reali sarebbero quindi fra 250'000 e 500'000.

È quanto emerge dai calcoli pubblicati nella pagina Facebook sCoronavirus - Dati e analisi scientifiche, elaborati dal fisico Federico Ricci Tersenghi, dell'Università Sapienza di Roma. Di conseguenza la letalità sarebbe molto più bassa, compresa fra l'1,4% e lo 0,7%.

La stima si basa sul numero dei tamponi verificati dall'Istituto superiore di sanità (Iss) ed è la prima finora elaborata sulla base dei dati relativi ai casi accertati, mentre le altre stime si sono basate sul tasso di moralità atteso.

"Non c'è in questa elaborazione la stima relativa alle persone asintomatiche", ha detto Ricci Tersenghi. I primi studi fatti in Veneto, a Vo', e in Lombardia, indicano che gli asintomatici possono costituire dal 60% al 20% di tutti i casi accertati. Sono queste, ad ora, le uniche stime per l'Italia e per avere un'idea del totale dei casi, compresi gli asintomatici, bisognerebbe quindi aggiungere al totale dei casi reali una delle due percentuali.

"I dati dell'Iss ci dicono quante persone sono risultate positive al tampone in una certa data, in modo simile a quanto fa la protezione civile, ma con l'informazione aggiuntiva relativa alla comparsa dei primi sintomi". Sebbene abbia risposto solo per il 60% dei pazienti, i dati hanno permesso comunque di elaborare una curva relativa al numero delle persone che hanno avvertito i sintomi in una certa data, in media otto giorni prima di quando sono state certificate.

Considerando poi il tempo di incubazione circa cinque giorni che passa dal momento dell'infezione alla comparsa dei sintomi, è stato possibile ottenere una nuova curva, questa volta relativa alla data in cui le persone sono state infettate. In media, quindi, le persone positive sono state individuate tredici giorni dopo l'infezione, quando hanno fatto il tampone. La proiezione dei dati elaborata a questo punto ha permesso di indicare due possibili scenari: uno pessimista, nel quali i casi sono dieci volte superiori a quelli accertati, e uno ottimista, nel quale i casi sono cinque volte più numerosi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.