Navigation

Coronavirus: Gb, le vietano mascherina, infermiera si dimette

Dopo che le era stato vietato di indossare la mascherina, l'infermiera si è licenziata (foto d'archivio). KEYSTONE/AP/Darryl Dyck sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 aprile 2020 - 09:55
(Keystone-ATS)

Un'operatrice sanitaria di un ospedale britannico ha rassegnato le dimissioni poiché il suo capo reparto le aveva vietato di indossare la mascherina sul luogo di lavoro.

Secondo quanto riporta il Guardian, la donna - Tracy Brennan - era appena tornata al lavoro nell'ospedale di Hillingdon, alle porte di Londra, dopo aver trascorso 14 giorni in auto isolamento a casa poiché sua figlia aveva mostrato i sintomi del coronavirus.

Brennan, spiega il giornale, aveva acquistato una mascherina per proteggersi da eventuali contagi, ma anche per proteggere i pazienti che aveva in cura.

Al suo rientro in ospedale la mattina di martedì scorso il suo superiore l'ha invitata a rimuovere la mascherina spiegandole che la politica dell'ospedale non prevedeva questo tipo di protezione.

La donna ha aderito alla richiesta, ma quello stesso pomeriggio, mentre prelevava il sangue a un paziente, questi le ha tossito sul volto. Nonostante questo episodio, l'ospedale ha continuato a negarle l'uso della mascherina e l'operatrice non ha avuto altra scelta che rassegnare le sue dimissioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.