Navigation

Coronavirus: Giappone verso nuovo 'audace' piano di stimolo

Il premier giapponese Shinzo Abe KEYSTONE/AP/Yoshitaka Sugawara sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 marzo 2020 - 13:00
(Keystone-ATS)

Il governo giapponese si prepara a varare una manovra economica di supporto 'mai vista prima' per arginare l'impatto della diffusione del coronavirus, che include la distribuzione di denaro per sostenere la spesa per consumi.

Lo ha detto il premier giapponese Shinzo Abe in una conferenza stampa trasmessa in diretta televisiva sul canale pubblico Nhk, spiegando che l'entità "del più audace piano di stimolo mai adottato" sarà superiore a quello approvato durante la crisi finanziaria del 2008 dopo il collasso della Lehman Brothers.

Il premier ha aggiunto che l'esecutivo è pronto a compilare un budget supplementare per finanziare la manovra e che la battaglia contro la pandemia globale sarà prolungata nel tempo, esortando i connazionali a rimanere vigili contro l'insorgenza del virus in Giappone. Sono escluse al momento, dunque, le temute misure restrittive che avrebbero potuto comportare il lockdown di Tokyo dopo l'invito della governatrice Yuriko Koike ai cittadini a rimanere a casa durante il fine settimana. Una richiesta che sembra sia stata presa in parola dalla larga maggioranza dei residenti, a giudicare dalle immagini trasmesse dai media locali che mostrano i maggiori luoghi di ricreazione della città disertati, o comunque poco trafficati, nonostante la temperatura in città abbia raggiunto i 25 gradi, e il week-end coincidesse con gli ultimi giorni utili ad osservare la sakura, il tradizionale rituale associato alla fioritura dei ciliegi. Tra i divieti imposti dalle autorità cittadini c'è quello di evitare gli abituali picnic nei parchi.

Ad oggi in Giappone sono stati segnalati 1499 casi di infezioni di coronavirus e 49 morti. Nella capitale il numero dei contagi è salito improvvisamente negli ultimi 4 giorni, registrando anche oggi 60 nuovi casi, il maggiore dall'inizio della pandemia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.