Navigation

Coronavirus: in Ticino 8 decessi e 330 casi positivi

In Ticino tra le persone intubate in terapia intensiva perché affette dal coronavirus vi sono anche 50enni, ha indicato il medico cantonale Giorgio Merlani. KEYSTONE/EPA/CENTERS FOR DISEASE CONTROL AND PREVENTION HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 marzo 2020 - 17:49
(Keystone-ATS)

Due nuovi decessi in Ticino a causa del coronavirus e 330 casi positivi in totale. Sono queste le nuove cifre rese note oggi dal medico cantonale Giorgio Merlani. Le persone ricoverate sono 94, di cui 17 in terapia intensiva (15 intubate).

La conferenza stampa, che era stata indetta per le 17.00, è stata posticipata a domani. Oggi quindi il medico cantonale e il comandante della polizia cantonale Matteo Cocchi si sono limitati a un aggiornamento delle cifre e a ribadire le raccomandazioni delle autorità.

Anche i due nuovi decessi di oggi riguardano persone di oltre 65 anni, ma negli ospedali ci sono anche persone di 50 anni intubate, ha detto Merlani. Le vittime salgono ora a otto.

In merito agli antinfiammatori, il medico cantonale ha precisato che ci sono segnalazioni secondo cui lo stato di alcuni malati è peggiorato con l'uso di questi medicinali. Le autorità federali stanno verificando.

Per principio di prudenza meglio usare solo farmaci a base di paracetamolo. Merlani ha inviato comunque a non assumere farmaci o sospendere cure senza l'accordo del proprio medico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.