Navigation

Coronavirus: Italia, 37'860 malati, 4'032 i morti, nuove misure

Coronavirus: Italia, 37'860 malati e 4'032 morti (foto simbolica) KEYSTONE/AP/Claudio Furlan sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 marzo 2020 - 20:10
(Keystone-ATS)

Non si arresta la diffusione dei casi e dei morti per il coronavirus in Italia e il governo adotta questa sera un'ordinanza con nuove misure restrittive per contenere il contagio.

Le nuove misure, che si sommano alle esistenti, sono valide dal 21 marzo al 25 marzo, quando scade il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (dpcm) che aveva imposto la stretta a tutti gli spostamenti e la chiusura di bar e negozi.

Nell'ordinanza si legge "È vietato l'accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici".

"Resta consentito svolgere individualmente attività motoria nei pressi della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona". Non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all'aperto".

Saranno chiusi gli esercizi alimentari nelle stazioni ferroviarie e inoltre viene dichiarato lo stop a spostamenti verso seconde case nei festivi.

Intanto nel tardo pomeriggio è stato reso noto che i malati di coronavirus nella Penisola sono 37'860 con un incremento rispetto a ieri di 4'670. Il numero complessivo dei contagiati - comprese le vittime e i guariti - ha raggiunto i 47'021.

Il dato è stato fornito dal commissario per l'emergenza Angelo Borrelli in conferenza stampa alla Protezione Civile.

Le vittime in Italia per coronavirus hanno superato le 4 mila unità: 4'032 i morti, con un incremento rispetto a ieri di 627. È il maggior incremento dall'inizio dell'emergenza. Ieri l'aumento era stato di 427.

Le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus sono 5'129, 689 in più di ieri, ha aggiunto. Ieri il dato giornaliero sui guariti era di 415.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.