Navigation

Coronavirus: medici terapia intensiva, mancherà personale

Il problema più grande della Svizzera nella crisi del coronavirus non sarà il numero di letti e di respiratori, ma la mancanza di personale sanitario in terapia intensiva (foto simbolica) KEYSTONE/ALEXANDRA WEY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 marzo 2020 - 12:40
(Keystone-ATS)

Il problema più grande della Svizzera nella crisi del coronavirus non sarà il numero di letti e di respiratori, ma la mancanza di personale sanitario in terapia intensiva. Lo sostengono due medici della Società svizzera di medicina intensiva (SSMI).

"Sono convinta che il materiale e i letti non saranno il nostro problema principale nell'imminente ondata pandemica, ma il personale", ha detto Antje Heise, vicepresidente della SSMI e medico capo del reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Thun (BE), in un'intervista alla "SonntagsZeitung" e a "Le Matin Dimanche".

Il numero di posti potrebbe aumentare rapidamente con soluzioni creative, ha detto Heise. La grande questione è se ci sarà sufficiente personale sanitario formato specificamente per la medicina intensiva.

Questa opinione è condivisa anche da Thierry Fumeaux, presidente della SSMI e corresponsabile delle cure intensive all'ospedale di Nyon (VD), in un'intervista rilasciata alla "SonntagsZeitung".

Se necessario, si potrebbero organizzare centinaia di respiratori, per esempio con il Servizio sanitario coordinato o con l'esercito. "Ma difficilmente possiamo aumentare il numero del personale di terapia intensiva", ha detto Fumeaux.

Formazione impegnativa di due anni

A tale proposito Heise ha dichiarato che "la terapia intensiva è un corso di due anni dopo la laurea molto impegnativo. Non si può imparare in due settimane. Se improvvisamente ci sono molti casi di Covid-19, solo il persone di terapia intensiva è in grado di assistere correttamente i pazienti, ha sottolineato.

Inoltre, verrà a mancare una parte del personale "perché si infetta e poi rimane assente per qualche giorno", ha detto Fumeaux, che è stato lui stesso contagiato dal coronavirus.

Il suo caso non è insolito ha dichiarato Fumeaux. In Italia il 10% delle persone infettate è rappresentato da personale medico, nonostante tutte le misure di precauzione, ha precisato. Fumeaux si è detto comunque "molto fiducioso" di tornare a essere in buona salute tra qualche giorno.

Evitare lo sfinimento totale

L'SSMI ha assicurato che nelle prossime settimane lavorerà nel reparto di terapia intensiva il maggior numero possibile di personale formato. Tuttavia, è necessario prendersi cura di quest'ultimo.

"In una pandemia, infermieri e medici lavorano spesso fino allo sfinimento totale, mettendosi a rischio. È fondamentale che non permettiamo che questo accada", ha detto Heise. In caso di una catastrofe, i gruppi di assistenza e gli psicologi sono a disposizione del personale.

Se davvero non ci dovessero essere sufficienti risorse, secondo la SSMI, la priorità va ai pazienti che hanno la prognosi migliore. "Ma in nessun caso si deve discriminare in base all'età, alla condizione sociale o ad altri fattori", ha detto Fumeaux. Il medico deve decidere in modo tale da salvare il maggior numero possibile di vite umane. "Processi equi e trasparenti sono fondamentali".

Paziente dovrebbe decidere

Se un paziente gravemente malato di Covid 19 deve essere collegato ad un respiratore, il tasso di mortalità è del 40-60%.

Ogni volta che è possibile, ai pazienti viene quindi chiesto se vogliono il trattamento. "Ma a volte i pazienti sono affaticati o disorientati, anche a causa delle difficoltà respiratorie, e non riescono più a prendere una decisione chiara", ha detto Heise. "Chiediamo quindi a tutti di riflettere in anticipo su queste domande".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.