Navigation

Coronavirus: ministro GB ammette, troppi morti fra minoranze

"Noi riconosciamo - ha detto i ministro della sanità Matt Hancock - che un numero sproporzionatamente alto di persone nere o con retroterra legato a minoranze etniche è deceduto" a causa della pandemia. KEYSTONE/EPA/WILL OLIVER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2020 - 19:06
(Keystone-ATS)

Il progredire dei dati sulle vittime del coronavirus conferma che anche nel Regno Unito vi è stata - seppure meno che negli Usa - una sproporzione nel numero di morti registrati fra le minoranze etniche, neri e asiatici in primis.

Lo ha ammesso nella conferenza stampa di giornata a Downing Street il ministro della sanità Matt Hancock.

Il dato - correlato alla percentuale dei medici e degli infermieri di origine etnica straniera negli ospedali britannici e ai loro ruoli di trincea, oltre che alla più generale tendenza a una maggiore mortalità nelle fasce sociali povere - è stato denunciato a più riprese nelle ultime settimane. E Hancock lo ha confermato.

"Noi riconosciamo - ha detto - che un numero sproporzionatamente alto di persone nere o con retroterra legato a minoranze etniche è deceduto" a causa della pandemia, "specie fra i lavoratori dei servizi essenziali d'assistenza e gli operatori dell'Nhs", il servizio sanitario nazionale. Un fenomeno che il governo conservatore s'impegna ad approfondire.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.