Navigation

Coronavirus: Musk, "Tesla riparte, pronto a farmi arrestare"

Cresce la tensione tra il patron di Tesla, Elon Musk, e il governo della California. KEYSTONE/AP/Susan Walsh sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 maggio 2020 - 08:21
(Keystone-ATS)

Il patron di Tesla Elon Musk alza l'asticella della sfida contro il governo della California e si dice pronto ad essere arrestato pur di far ripartire le attività del gruppo, bloccate dal lockdown in vigore per combattere la diffusione del contagio del coronavirus.

"Tesla riprende la sua produzione nello stabilimento di Fremont", ha twittato il fondatore di Tesla le cui attività sono ferme dal 23 marzo. Musk nel weekend aveva minacciato di spostare la produzione in Texas.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.