Navigation

Coronavirus: Niger chiede piano Marshall per l'Africa

Il presidente del Niger Mahamadou Issoufou assieme a Emmanuel Macron, presidente della Repubblica francese. KEYSTONE/EPA/REGIS DUVIGNAU / POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2020 - 17:41
(Keystone-ATS)

La pandemia di coronavirus rafforza la necessità di "un piano Marshall per l'Africa". Lo ha dichiarato oggi Mahamadou Issoufou, presidente del Niger, uno dei paesi più poveri del mondo.

Già "prima della pandemia l'Africa aveva bisogno di un piano Marshall per il suo sviluppo, per combattere la povertà". Ora, quanto sta succedendo "è un altro argomento per giustificare la necessità di un simile piano per l'Africa", ha aggiunto.

"Anche i paesi più sviluppati sono sopraffatti. I nostri mezzi sono più deboli, i nostri sistemi sanitari sono più fragili. Quindi abbiamo bisogno di una forte espressione di solidarietà internazionale per affrontare questa crisi", ha detto ancora Issoufou.

L'Africa è ancora relativamente poco colpita dalla pandemia con oltre 7000 casi e quasi 300 morti dichiarati ufficialmente. Oggi il Niger ha riportato un totale di 98 casi e 5 decessi.

In questa zona del Sahel, diversi paesi, in particolare Niger, Burkina Faso e Mali, stanno anche combattendo contro numerosi gruppi jihadisti che diffondono violenza, portando all'esodo di centinaia di migliaia di rifugiati e sfollati, creando una drammatica situazione umanitaria.

La lotta contro la pandemia è "una missione estremamente difficile: la crisi sanitaria si aggiunge alla crisi di sicurezza che stiamo già vivendo, che consuma il 17% delle nostre risorse di bilancio", ha sottolineato il presidente Issoufou.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.