Navigation

Coronavirus: Nyt, campagna disinformazione 007 cinesi

L'indiscrezione è stata riportata dal New York Times. KEYSTONE/AP/MARK LENNIHAN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 aprile 2020 - 18:19
(Keystone-ATS)

Agenti dell'intelligence cinese hanno alimentato dallo scorso mese di marzo una campagna di disinformazione sui social e via sms mirata a diffondere il panico negli Stati Uniti per il coronavirus.

Si tratta di tecniche non dissimili da quelle utilizzate dalla Russia per influenzare le elezioni presidenziali del 2016. Lo sostiene il New York Times citando fonti di sei diverse agenzie d'intelligence Usa.

"L'amministrazione del presidente Donald Trump chiuderà l'intero Paese e lo annuncerà non appena saranno pronte le truppe necessarie a fronteggiare rivolte e atti di sciacallaggio", recita uno dei messaggi diffusi a metà marzo sui social e via sms sui telefonini di milioni di americani. Messaggi diventati così virali che nel giro di 48 ore il Consiglio per la sicurezza nazionale della Casa Bianca è stato costretto a bollarli come falsi su Twitter.

Le tecniche di amplificazione dei messaggi stanno allarmando gli 007 americani per l'uso finora inedito degli sms. La loro origine resta tuttavia oscura. Le fonti - spiega il Nyt - si sono rifiutate di rivelare dettagli sul legame tra i messaggi e gli agenti cinesi, facendo riferimento alla necessità di proteggere fonti e metodi di monitoraggio delle attività di Pechino.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.