Navigation

Coronavirus: oltre un milione di morti al mondo

Pagine e pagine di annunci funebri sull'"Eco di Bergamo" nel marzo scorso. Keystone/AP/LUCA BRUNO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 settembre 2020 - 07:07
(Keystone-ATS)

Ha superato la soglia di un milione il numero dei decessi legati al coronavirus nel mondo, secondo i dati dell'università americana Johns Hopkins.

Il paese più colpito in termini assoluti restano gli Stati Uniti, con oltre 205'000 decessi e circa 7,15 milioni di contagi. Seguono l'India e il Brasile.

I casi totali di positività registrati ufficialmente nel mondo dall'inizio della pandemia di Covid-19 sono oltre 33,27 milioni, secondo la Johns Hopkins.

Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha affermato che "il mondo ha raggiunto un traguardo angosciante, la perdita di un milione di vite a causa del coronavirus. È un numero sconvolgente, ma non dobbiamo mai perdere di vista ogni singola vita. Erano padri e madri, mogli e mariti, fratelli e sorelle, amici e colleghi". "Il dolore - ha aggiunto - è stato moltiplicato dalla ferocia di questa malattia".

Tuttavia, per Guterres "possiamo vincere questa sfida, ma dobbiamo imparare dagli errori". "Una leadership responsabile è importante, la scienza conta, la cooperazione è importante e la disinformazione uccide", ha sottolineato ancora il segretario generale dell'Onu, ribadendo che la "corsa al vaccino continua" ma dobbiamo "fare la nostra parte per salvare vite umane mantenendo il distanziamento, indossando la mascherina e lavandoci le mani. Mentre ricordiamo tante vite perse - ha concluso Guterres - non dimentichiamo mai che il nostro futuro si basa sulla solidarietà, come persone unite e come Nazioni Unite".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.