Navigation

Coronavirus: Onu, l'umanità intera è minacciata

Il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ha annunciato un piano per i Paesi più fragili KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 marzo 2020 - 16:25
(Keystone-ATS)

"L'umanità intera" è minacciata dal coronavirus. Lo affermano le Nazioni Unite, annunciando un piano globale contro la pandemia. Una risposta che riguarda i paesi più vulnerabili e poveri del globo nel tentativo di proteggere milioni di persone.

Il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ha lanciato il piano coordinato di risposta umanitaria globale delle Nazioni Unite al coronavirus: due miliardi di dollari per combattere la malattia in Sud America, Africa, Medio Oriente e Asia.

"Il coronavirus sta minacciando l'intera umanità, e quindi l'intera umanità deve combattere. Le risposte dei singoli paesi non saranno sufficienti", ha detto il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres, lanciando il piano di risposta umanitaria globale da due miliardi di dollari.

"Il mondo deve affrontare una minaccia senza precedenti. Dobbiamo venire in aiuto degli ultra-vulnerabili, questa è una questione di solidarietà umana di base", ha continuato.

Il piano di risposta umanitaria globale dell'Onu sarà attuato dalle agenzie delle Nazioni Unite con Ong internazionali e consorzi di Ong che svolgono un ruolo diretto nella risposta. Il progetto prevede la fornitura di attrezzature di laboratorio essenziali per i test e forniture mediche per curare le persone, installazione di stazioni di lavaggio delle mani in campi profughi e insediamenti, lancio di campagne di informazione pubblica su come proteggere se stessi e gli altri dal virus, creazione di ponti e hub aerei in Africa, Asia e America Latina per spostare gli operatori umanitari e le forniture dove sono maggiormente necessarie.

Gli stati membri sono stati avvertiti che qualsiasi deviazione dei finanziamenti dalle operazioni umanitarie esistenti creerebbero un ambiente in cui colera, morbillo e meningite possono prosperare, il numero di bambini malnutriti potrebbe aumentare e gli estremisti potrebbero prendere il controllo. Per dare il via al piano di risposta, il capo degli affari umanitari dell'Onu, Mark Lowcock, ha rilasciato altri 60 milioni di dollari dal UN Central Emergency Response Fund (Cerf), che porta il sostegno del fondo a 75 milioni.

"Supportare il piano di risposta umanitaria al coronavirus è una necessità per la sicurezza sanitaria globale. È un imperativo morale, nell'interesse di tutti, ed è una parte cruciale per vincere questa lotta", ha detto Guterres. "Chiedo ai governi il loro pieno sostegno", ha aggiunto.

"Questo è il momento di farsi avanti per le persone vulnerabili", ha sottolineato Guterres. "Gli anziani, i malati cronici e i disabili affrontano rischi particolari e sproporzionati e richiedono uno sforzo totale per salvare le loro vite e proteggere il loro futuro".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.