Navigation

Coronavirus: otto Paesi chiedono all'ONU la fine delle sanzioni

Con una lettera al segretario generale dell'ONU Antonio Guterres, Russia, Cina, Siria, Iran, Corea del Nord, Venezuela, Nicaragua e Cuba chiedono all'ONU di togliere subito le sanzioni imposte da Europa e Stati Uniti. KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 marzo 2020 - 15:05
(Keystone-ATS)

Per fronteggiare la crisi del coronavirus, Russia, Cina, Siria, Iran, Corea del Nord, Venezuela, Nicaragua e Cuba chiedono all'ONU un impegno per togliere "subito e completamente" le sanzioni imposte da Europa e Stati Uniti.

Gli otto paesi si sono rivolti con una lettera al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres poco prima dell'inizio del G20 in videoconferenza.

Il G20, presieduto dall'Arabia Saudita, ha l'obiettivo di organizzare una risposta coordinata alla pandemia di Covid-19 che, secondo l'Onu, "minaccia l'umanità intera".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.