Navigation

Coronavirus: persone a rischio possono ancora sposarsi

In alcuni casi eccezionali, è possibile sposarsi anche ai tempi del coronavirus. KEYSTONE/DPA-Zentralbild/ANDREAS LANDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 aprile 2020 - 10:42
(Keystone-ATS)

Le cerimonie nuziali sono possibili in questo periodo solo in misura limitata, ma la Confederazione non vuole ostacolare i matrimoni di persone particolarmente esposte al coronavirus.

Un'eccezione è infatti prevista per over 65 e cittadini con patologie pregresse, così come per le coppie con un bambino in arrivo.

È il contenuto di una direttiva emessa dall'Ufficio federale dello stato civile (UFSC) e trasmessa alle autorità cantonali, di cui hanno riferito oggi i giornali del gruppo Tamedia. Anche nell'ambito del riconoscimento di figli vi saranno delle restrizioni.

In alcuni casi ci si potrà dunque sposare durante la pandemia. La priorità è data a chi rientra nelle ormai note categorie a rischio. Le nozze restano consentite anche in situazioni di emergenza, per esempio se uno dei due partner si trova in pericolo di morte.

Il matrimonio è possibile pure per le coppie che aspettano un figlio entro agosto. Tuttavia, il presupposto è che la procedura preparatoria sia già stata ultimata. Lo stesso vale se il diritto di soggiorno di uno dei due futuri coniugi sta per giungere a scadenza: in questi casi, secondo la direttiva, la cerimonia va celebrata immediatamente.

La presenza di invitati in massa non è comunque permessa neppure per queste eccezioni. Alle nozze possono prendere parte solo persone con funzioni ufficiali, ovvero, oltre agli sposi, i testimoni e, se necessario, un'interprete.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.