Navigation

Coronavirus: raddoppiati in casi in Germania, sono 60

Disinfezione in Corea del Sud KEYSTONE/AP/Ahn Young-joon sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2020 - 14:04
(Keystone-ATS)

I casi di coronavirus in Germania sono saliti a 60. Lo ha detto una portavoce del ministero della Salute tedesco secondo quanto riportato da Skynews. L'ultimo bilancio, nella tarda serata di ieri parlava di 30 persone infette.

Salgono invece a 32 i casi di persone contagiate in Spagna. Lo riporta El Mundo precisando che la zona più colpita è quella di Valencia dove ci sono otto infetti. A Madrid cinque, sei alle Canarie, uno alle Baleari, sei in Andalusia, uno in Aragona, due in Castilla y Leon.

La Cina ha da parte sua riportato 44 nuove morti a causa del coronavirus e 327 casi aggiuntivi di contagio, il livello più basso da oltre un mese. Nel complesso, le vittime sono salite a 2.788, ha riferito la Commissione sanitaria nazionale (Nhc), quasi tutte relative all'Hubei, la provincia epicentro dell'epidemia.

La Corea del Sud ha riportato altri 315 casi: lo riferisce il Korea Centers for Disease Control and Prevention (Kcdc), secondo cui il totale nazionale dei contagi è salito a 2.337.

Si è inoltre appreso che altri 4 parlamentari iraniani sono stati contagiati dal virus. Lo ha annunciato Mohammad Ali Wakili, membro dell'ufficio di presidenza del Majlis, l'Assemblea legislativa di Teheran, senza identificarli. I quattro sono gli unici risultati positivi su 30 parlamentari controllati nelle scorse ore, ha aggiunto Wakili. Il bilancio dell'epidemia nella Repubblica islamica è al momento 245 contagiati e 29 vittime.

La nave da crociera Braemar, con 1.512 persone a bordo, fra passeggeri ed equipaggio, ha lasciato le acque territoriali della Repubblica Dominicana dopo che le autorità locali le hanno negato ieri l'autorizzazione di attracco nei porti di La Romana e Santo Domingo per la presenza a bordo di otto persone sotto osservazione per sospetto coronavirus. Lo ha reso noto il quotidiano Listin Diario.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.