Navigation

Coronavirus: retromarcia in Usa, ora gli Stati chiudono

La contea di Miami emerge come il nuovo epicentro della pandemia KEYSTONE/EPA/CRISTOBAL HERRERA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 luglio 2020 - 15:30
(Keystone-ATS)

Retromarcia in Usa dove gli stati che stavano già riaprendo sono costretti a chiudere di nuovo gran parte delle attività: a partire da California, Texas e Florida, dove in una sola giornata si sono registrati oltre 30.000 nuovi casi, la metà del dato nazionale.

Il contagio è in aumento in almeno 35 stati e la contea di Miami emerge come il nuovo epicentro della pandemia, mentre Los Angeles è a un passo da diventare 'red zone'.

A New York, intanto, dopo la prima giornata di 'zero morti' a causa del coronavirus il governatore Andrew Cuomo ha detto di temere seriamente una seconda ondata, causata sia da chi arriva dagli Stati a rischio (nonostante la quarantena imposta) sia da un rilassamento delle misure di distanziamento sociale da parte dei newyorchesi.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.