Navigation

Coronavirus: rinviato sciopero clima, appello a presa di coscienza

Manifestazione per il clima KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 aprile 2020 - 15:07
(Keystone-ATS)

Lo sciopero per il clima e la giustizia sociale previsto il 15 maggio è rinviato a data da stabilire a causa dell'attuale situazione sanitaria.

Lo ha annunciato oggi il collettivo ginevrino che lo sta organizzando, cogliendo l'occasione per lanciare un appello legato alla pandemia.

In una conferenza stampa online il collettivo, che riunisce diverse associazioni, sindacati e partiti, ha tracciato un parallelo tra la crisi del coronavirus e quella climatica, sia in termini di cause che di conseguenze.

All'origine di entrambe - ha sostenuto - c'è il capitalismo, amplificato dalla globalizzazione ed esacerbato dal neoliberismo. Partendo da questo presupposto è stato diffuso un documento con una serie di richieste: non salvataggio delle aziende inquinanti, regolarizzazione di tutti i richiedenti asilo e sans papiers, attuazione della sovranità alimentare.

Il collettivo chiede inoltre che sia data priorità al sostegno delle persone piuttosto che delle grandi imprese. "Questa crisi colpisce tutti, ma non con la stessa intensità. Sono le persone più precarie e oppresse ad essere le più colpite, con un conseguente aumento delle disparità", ha affermato un'attivista, citata nella dichiarazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.