Navigation

Coronavirus: sequestrati 4,4 mln di medicinali falsi

"Le nostre paure per il coronavirus sono un'opportunità di business per i cybercriminali", avverte la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. KEYSTONE/EPA/STEPHANIE LECOCQ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 marzo 2020 - 15:44
(Keystone-ATS)

Europol, l'agenzia finalizzata alla lotta al crimine nell'Unione europea, ha supportato un'operazione mondiale contro il traffico di medicine contraffatte a cui hanno partecipato 90 Paesi.

Nell'operazione sono state sequestrate oltre 4,4 milioni di unità di farmaci, smantellati 37 gruppi criminali organizzati, arrestate 121 persone, e chiusi 2500 link on line.

Lo rende noto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, su Twitter mettendo in guardia: "Le nostre paure per il coronavirus sono un'opportunità di business per i cybercriminali".

"Per ridurre il diffondersi del coronavirus molti europei devono semplicemente stare a casa. Non possiamo andare in giro, incontrarci e socializzare. Come risultato, molti fanno il telelavoro e trascorrono molto tempo on line. Purtroppo i criminali si approfittano di questa situazione. Ci seguono on line e sfruttano le nostre preoccupazioni sul coronavirus", afferma von der Leyen.

"Secondo le nostre agenzie - avverte - il numero di falsi medicinali, spray disinfettanti o cure miracolose vendute on line è vertiginoso. E la maggior parte dei prodotti farmaceutici venduti on line in questo periodo sono mascherine chirurgiche contraffatte".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.