Navigation

Coronavirus: sindaco Khan, a Londra nuova stretta inevitabile

Coronavirus: Londra al momento è collocata al livello più basso nella scala di gravità stabilita dal governo (foto simbolica) KEYSTONE/EPA/ANDY RAIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 ottobre 2020 - 15:42
(Keystone-ATS)

È "inevitabile" che Londra superi il punto critico nell'epidemia di coronavirus ed entri in un regime di ulteriori restrizioni "nei prossimi giorni". Lo ha detto il sindaco Sadiq Khan a Sky News.

"Tutti gli indicatori, i ricoveri in ospedale, quelli in terapia intensiva, il numero di contagiati tra le persone anziane, la diffusione della malattia, sta andando tutto nella direzione sbagliata", ha avvertito. Londra, al momento, è al primo dei tre livelli di restrizioni, quello "medio".

La capitale britannica al momento è collocata al livello più basso nella scala di gravità stabilita dal governo. Ma il Comune ha già messo in allerta la cittadinanza che la situazione "potrebbe cambiare molto rapidamente, potenzialmente anche questa settimana", e passare al secondo livello, quello "alto", che prevede l'impossibilità per le persone di riunirsi con altri nuclei familiari al chiuso, inclusi pub e ristoranti. Attualmente a Londra vige la regola del tetto di 6 per gli incontri e la chiusura alle 22 per locali e ristoranti.

Secondo Khan, Londra dovrebbe passare al livello più severo di restrizioni a livello generale, e non adottare un approccio "locale" con le restrizioni diverse a seconda dei distretti. "Molti londinesi lavorano in un distretto, vivono in un altro, studiano in un altro, vanno in un ristorante in un altro", ha spiegato il sindaco.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.