Navigation

Coronavirus: Sommaruga per salari migliori in settori sistemici

Simonetta Sommaruga durante una visita all'ospedale cantonale di Winterthur (foto d'archivio). KEYSTONE/NICK SOLAND sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 aprile 2020 - 08:38
(Keystone-ATS)

La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ritiene che si debba avviare un dibattito sull'aumento dei salari in alcuni settori, in particolare in quello sanitario. Senza questi lavoratori, "nulla avrebbe funzionato durante la crisi" legata al coronavirus.

In un'intervista a diverse testate del gruppo Tamedia, la socialista rileva che la percezione dell'importanza del personale sanitario, assistenziale, commerciale e logistico per il funzionamento del nostro sistema è cambiata notevolmente durante il lockdown. Si tratta - aggiunge Sommaruga - di settori "di importanza sistemica".

"Ora dobbiamo trarre beneficio dalla situazione e formulare delle rivendicazioni", spiega la responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC). Il Consiglio federale non può legiferare sugli aumenti salariali, ma può sostenere le discussioni, precisa la bernese, aggiungendo: "io sarei felice di farlo".

Lettera di rivendicazioni

I datori di lavoro avranno un compito da svolgere dopo la crisi, afferma Sommaruga: gli operatori sanitari non possono vivere di applausi. "Presumo che i datori di lavoro terranno a mente, durante le trattative salariali, ciò che queste persone hanno fatto e continueranno a fare". Si tratta di riflessioni da tenere presenti anche se ad impiegare il personale è il settore pubblico.

Il personale sanitario ha già fatto sapere che non si accontenterà di un semplice elogio per la sua attività durante il periodo della pandemia. In una lettera aperta, ha chiesto al Parlamento stipendi più alti, migliori condizioni di lavoro e maggiore formazione. Chiede anche l'attribuzione di una sorta di bonus Covid-19, come ad esempio fatto in Germania.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.