Navigation

Coronavirus: studio, per ogni caso confermato 5-10 sfuggono

Casi spesso lievi non diagnosticati di infezione da coronavirus sono responsabili per quasi l'80% dei nuovi casi, che non sono però necessariamente lievi, indica uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Science. KEYSTONE/EPA/CENTERS FOR DISEASE CONTROL AND PREVENTION HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 marzo 2020 - 07:43
(Keystone-ATS)

Gli scienziati che stanno studiando la diffusione del coronavirus hanno scoperto che per ogni caso confermato ci sono molto probabilmente altre cinque-dieci persone nella comunità con infezioni non rilevate, in assenza di misure restrittive e di test di massa.

Questi casi spesso lievi sono responsabili per quasi l'80% dei nuovi casi, che non sono però necessariamente lievi. Lo scrive il New York Times, citando un rapporto pubblicato ieri sulla prestigiosa rivista Science e basato su dati cinesi.

I ricercatori hanno creato un modello della diffusione del virus in Cina prima del divieto di viaggio e di una aggressiva campagna di test. In quel periodo, da dicembre alla fine di gennaio, circa sei casi su sette non erano rilevati. Una situazione analoga, sottolineano gli autori, a quella presente ora negli Usa e in altri Paesi occidentali, dove i test non sono largamente disponibili.

"Se abbiamo 3500 casi in Usa, potrebbe trattarsi di 35'000 in realtà", afferma Jeffrey Shaman, un epidemiologo della Columbia University e autore senior dello studio.

La ricerca evidenzia che dopo che il governo cinese ha isolato il centro dell'epidemia il 23 gennaio e ha cominciato i test su larga scala, il quadro è cambiato drasticamente, consentendo di identificare circa il 60% dei casi positivi, contro il 14% precedente.

Allo studio hanno partecipato autori di cinque istituzioni, incluso l'Imperial College London, la Tsinghua University di Pechino e la University of Hong Kong.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.