Navigation

Coronavirus, Svezia insiste nella sua strategia, danesi perplessi

Gli svedesi non hanno rinunciato alla birra al bar. KEYSTONE/AP/Anders Wiklund sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 maggio 2020 - 17:30
(Keystone-ATS)

Gli uni hanno chiuso tutto, gli altri hanno lasciato aperto quasi tutto: Danimarca e Svezia hanno adottato approcci completamente diversi nella crisi del coronavirus.

Mentre i danesi stanno facendo progressi nel contenere l'epidemia, le cifre per gli svedesi rimangono elevate. Ciò nonostante, si attengono alla loro strategia.

Sia la Svezia che la Danimarca annunciano i loro dati giornalieri sulla pandemia alle 14.00 in punto: ma questo è l'unico aspetto comune tra i vicini scandinavi nell'affrontare la crisi. Mentre i danesi per limitare la diffusione del contagio hanno adottato misure più severe rispetto a quasi tutti gli altri paesi europei, gli svedesi, con la loro strategia più permissiva, stanno molto peggio. E sul lato danese del ponte sull'Oresund la gente si chiede: i nostri vicini sono impazziti o alla fine il loro approccio speciale si rivelerà brillante?

Uno sguardo alle cifre degli ultimi giorni mostra le differenze tra le due nazioni altrimenti strettamente correlate: giovedì gli svedesi hanno segnalato 69 nuovi decessi di Covid-19 e 673 nuove infezioni, mentre i danesi hanno segnalato solo altri 4 decessi e 46 nuovi casi confermati. Mercoledì, ci sono stati ben 147 morti in Svezia e solo 6 in Danimarca. In totale, la Svezia (10 milioni di abitanti) ha più di 28'600 casi di infezione e 3500 decessi, a fronte di circa 10'700 casi di malattia e quasi 540 decessi in Danimarca (popolazione di 6 milioni).

La Svezia si distingue con le cifre più elevate rispetto a tutto il resto della Scandinavia. Tuttavia, il paese del primo ministro Stefan Löfven e dell'epidemiologo statale Anders Tegnell si attiene alla sua strategia. La situazione nel paese è stabile, ha assicurato Tegnell. Anche se ha ammesso: "È terribilmente triste che così tante persone in Svezia continuino a morire di questa malattia".

A differenza della Svizzera e del resto d'Europa, la Svezia ha scelto di non limitare gran parte della vita pubblica. Scuole, negozi e ristoranti - che in Danimarca, ad esempio, sono stati o stanno per essere gradualmente riaperti - sono rimasti aperti per tutte le scorse settimane. Tuttavia, gli svedesi si preoccupano anche di rallentare la diffusione della corona per evitare morti e non sovraccaricare il sistema sanitario. "La Svezia sta perseguendo gli stessi obiettivi di tutti gli altri paesi, salvare vite umane e proteggere la salute pubblica", ha chiarito ancora una volta la ministra degli esteri Ann Linde su Twitter.

Tuttavia, le misure adottate sono state molto più moderate in Svezia che altrove: i raduni con più di 50 partecipanti sono vietati, solo le scuole elementari e le università sono chiuse. Per il resto, il governo e le autorità si appellano principalmente al buon senso dei loro cittadini. Chiedono loro di mantenere le distanze e di rimanere a casa quando si manifestano i sintomi.

Dal mondo scientifico giungono critiche. "L'intera strategia dell'Ente nazionale svedese per la sanità si basa su un concetto pericoloso: rimanete a casa se vi sentite male", ha affermato la virologa di Stoccolma Lena Einhorn. Se si chiede alle persone malate di restare a casa, allora si perdono di vista gran parte degli infetti, il che mette in pericolo in particolare le persone anziane.

Einhorn non è la sola a criticare la via scelta da Stoccolma, come dimostrano diversi articoli pubblicati da scienziati svedesi. Sul quotidiano "Dagens Nyheter", 22 ricercatori hanno dichiarato già in aprile che l'azione dell'autorità sanitaria è da considerare fallita. Altri, invece, continuano a credere fermamente nell'approccio antiautoritario e più liberale. Questo porta al punto che alcuni svedesi indossano magliette con ritratti di Tegnell o si fanno tatuaggi con le sue sembianze. Si parla addirittura di "patrioti del coronavirus" e di "nazionalismo sanitario" sui principali quotidiani del paese.

La situazione tra gli svedesi più anziani, come ha sottolineato anche Einhorn, è difficile: quasi il 90% di tutti i morti svedesi erano pazienti di più di 70 anni. Il governo ha esortato questo principale gruppo a rischio a evitare i contatti sociali e dal primo aprile sono state vietate anche le visite alle case di riposo. Tuttavia queste strutture sono state particolarmente colpite dalla pandemia, sia nella capitale Stoccolma che in altre regioni del paese. Circa un decesso su due di Covid-19 è avvenuto nelle case per anziani.

Ma ci sono anche sviluppi positivi: Il tasso di riproduzione R0 è stato quasi costantemente inferiore a 1,0 nella seconda metà di aprile, il che significa che ogni persona infetta passa in media il virus a meno di un'altra persona. Il numero di nuovi pazienti in terapia intensiva diminuisce più o meno regolarmente. E a Stoccolma si discute anche di un possibile avvicinamento all'immunità del gregge, che potrebbe presto verificarsi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.