Navigation

Coronavirus: Tanner contro obbligo vaccinazione

Marcel Tanner ritiene che serve l'adesione della popolazione e non un obbligo. Keystone/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2020 - 08:58
(Keystone-ATS)

L'epidemiologo e membro della task foce della Confederazione per il Covid-19 Marcel Tanner ritiene che non bisogna puntare sull'obbligo di vaccinazione previsto dalla legge sulle epidemie per lottare contro il coronavirus.

"È la discussione sbagliata", sostiene sulle pagine dei giornali del gruppo Tamedia di oggi. "Possiamo raggiungere l'immunità di gregge se l'80% delle persone si lascia vaccinare" volontariamente, afferma Tanner.

Questi è anche contrario all'idea di concentrarsi su un vaccino prodotto in Svizzera: l'importante non è l'origine "ma che sia presto disponibile un prodotto utilizzabile". A suo avviso bisogna cooperare a livello internazionale.

L'esperto basilese si dice poco fiducioso quanto alla rapida disponibilità di un vaccino: "se tutto va molto bene - quindi senza effetti collaterali - allora potremmo averne uno tra un anno". E a quel punto esso non sarà ancora nemmeno prodotto e distribuito.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.