Navigation

Coronavirus: Ticino chiude ristoranti e negozi

Chiusi bar, ristoranti e negozi KEYSTONE/Alessandro Crinari sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 marzo 2020 - 18:59
(Keystone-ATS)

Ulteriore giro di vite in Ticino per contenere l'epidemia di coronavirus. Dalla prossima mezzanotte saranno chiusi ristoranti, bar e negozi, ad eccezione di quelli di alimentari e delle farmacie.

Lo ha annunciato poco fa in conferenza stampa a Bellinzona il Consiglio di Stato. Rimarranno aperti anche i servizi bancari e postali, le edicole e le stazioni di servizio. Sono state sospese anche le messe e le funzioni religiose.

Sul piano economico, è prevista una dilazione di 60 giorni per le fatture emesse dallo Stato del Canton Ticino. Domani saranno ascoltati rappresentanti dei Comuni per per uno scambio di vedute sulla possibilità di rinviare le elezioni comunali del 5 aprile, è stato aggiunto. La decisione in merito dovrebbe cadere lunedì.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.