Navigation

Coronavirus: Trump hotel chiede aiuti a amministrazione Trump

Il Trump International Hotel a Washington (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/ALEX BRANDON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 aprile 2020 - 21:50
(Keystone-ATS)

La Trump organization, di proprietà del presidente degli Stati Uniti ma gestita dal figlio Eric, ha chiesto un rinvio dei pagamenti degli affitti che il Trump Hotel di Washington, ora vuoto a causa del coronavirus, deve al governo federale.

Si tratta di 268 mila dollari al mese, per un totale di almeno 3 milioni l'anno. Il problema è che sulla richiesta dovrà decidere l'amministrazione Trump, tramite la General Services Administration (Gsa), con un potenziale conflitto di interessi.

La società, riferisce il Nyt, ha chiesto alla Gsa qualsiasi aiuto che potrebbe essere garantito ad altri affittuari federali. "Trattateci allo stesso modo. Qualunque cosa sia, va bene", ha detto Eric Trump in un comunicato. La Gsa non ha fornito per ora alcun commento al Nyt, neppure se altri affittuari abbiano avanzato richieste analoghe.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.