Navigation

Coronavirus: Ue, stop a fake news, possono costare vita

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen lancia un appello contro le fake news legate al coronavirus KEYSTONE/AP/Virginia Mayo sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 marzo 2020 - 17:30
(Keystone-ATS)

"La disinformazione può costare la vita", per questo "le fake news devono finire" e serve un'ulteriore collaborazione da parte di tutte le piattaforme social. E' l'appello lanciato in un videomessaggio dalla presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen.

Quest'ultima sottolinea come le fake news sull'epidemia del coronavirus siano in "crescente aumento" sull'onda "dell'incertezza e dell'ansia" delle persone.

L'aglio o la vitamina C possono curare il coronavirus? No. Il virus infetta solo le persone anziane? No. Ma tutti abbiamo visto queste o altre affermazioni false online o sui social media", sottolinea von der Leyen, precisando che Bruxelles è al lavoro con i colossi digitali per "intensificare la loro azione contro la disinformazione".

Facilitare l'accesso a fonti autorevoli ed eliminare i contenuti dannosi però non basta, "bisogna fare di più", avverte la presidente dell'esecutivo Ue, chiedendo ai social media di "condividere i dati con la comunità di fact-checking e di ricerca".

Nel frattempo la Commissione Ue ha lanciato una sezione speciale sulle fake news sul proprio sito web dedicato al Coronavirus in cui gli utenti possono verificare informazioni e storie che circolano online.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.