Navigation

Coronavirus: Ueli Maurer, preoccupano UE e debito Italia

Il ministro delle finanze Ueli Maurer KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2020 - 15:57
(Keystone-ATS)

La crisi finanziaria causata dalle misure di contenimento del coronavirus e l'instabilità in seno all'Unione Europea (UE) preoccupano Ueli Maurer. Per il ministro delle finanze si tratta di "un pericolo per la Svizzera".

"La stabilità dell'Europa non è più garantita", ha dichiarato in un'intervista pubblicata oggi sul sito della RTS. "Forse" il pacchetto di stimolo da 500 miliardi di euro annunciato da Angela Merkel ed Emmanuel Macron ieri sera "può correggere un po' questo stato di cose, ma la situazione è difficile per l'UE, e anche per la Svizzera", ha rilevato il consigliere federale.

Secondo il ministro "è necessario avere un'Europa forte e unita". Le tensioni tra i Paesi del nord e del sud del continente sono "un problema anche per noi", ha sostenuto, citando anche il problema del debito dell'Italia, che a fine anno rappresenterà "una catastrofe per l'Unione Europea". La Penisola, ha ricordato, è "un cliente molto importante per la Svizzera".

Maurer ha concluso l'intervista sottolineando che "siamo più forti da soli, naturalmente mantenendo le relazioni economiche con l'UE, ma niente di più".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.