Navigation

Coronavirus: UFSP, +204 casi e +7 morti

Poco più di 200 i casi di Covid-19 in Svizzera nelle ultime 24 ore, anche se notoriamente nel week-end la fluttuazione è al ribasso. KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 aprile 2020 - 12:31
(Keystone-ATS)

Sono 204 le nuove infezioni da Covid-19 confermate in Svizzera nelle ultime 24 ore (27'944 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), almeno 1142 persone (+7) sono morte.

Come noto, i dati successivi al week-end riportano spesso valori più bassi e vanno dunque presi con le pinze. Tuttavia, il trend si conferma incoraggiante. Ieri l'incremento è stato di 336 contagi, fra venerdì e sabato di 326.

Secondo un conteggio dell'agenzia Keystone-ATS, basato sui dati dei cantoni, i decessi legati al coronavirus sono 1410. Da ricordare che la Confederazione si appoggia invece sulle cifre fornite da laboratori e medici, il che spiega tale discrepanza.

Nel rapporto odierno, pubblicato come di consuetudine sul suo sito, l'UFSP precisa che dei 224'442 test effettuati finora, circa il 14% è risultato positivo. L'incidenza della malattia (casi per 100'000 abitanti) a livello nazionale si situa a 326.

In Ticino - in base ai dati divulgati stamane dalle autorità cantonali - i decessi sono 288, sette in più di ieri. I nuovi casi sono 26 per un totale di 3058. Nei Grigioni il bilancio delle vittime è rimasto invariato a 40, mentre le infezioni sono 769 (+5).

L'incidenza in Ticino ha raggiunto il dato di 859.8. Il cantone italofono è superato da Ginevra (968.4) e seguito da Vaud (643.2) e Basilea Città (550.4). L'incidenza nei Grigioni è di 380.1 casi per 100'000 abitanti.

L'UFSP dispone anche dei dati di 3305 persone ospedalizzate. La loro età varia da 0 a 101 anni, con un'età mediana di 72 anni (50% delle persone ricoverate ha un'età inferiore, 50% un'età superiore). L'età mediana delle persone decedute è invece pari a 84 anni e il 97% soffriva di malattie pregresse.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.