Navigation

Coronavirus: un farmaco disponibile prima del vaccino

Una confezione di idrossiclorochina utilizzata per combattere il coronavirus. KEYSTONE/AP/Mark Moran sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 aprile 2020 - 10:17
(Keystone-ATS)

Un farmaco in grado di combattere il Covid-19 potrebbe essere immesso sul mercato entro un anno prima ancora di un vaccino. L'industria farmaceutica si concentra su medicamenti già utilizzati per curare patologie come l'Aids o il virus dell'Ebola.

È quanto affermato in un'intervista al quotidiano romando "La Liberté" dal direttore generale di Vifor Suisse, Philippe Widmer, secondo cui tale procedura consentirà alle aziende di evitare l'analisi tossicologica e di passare direttamente agli studi clinici che, nel caso del coronavirus, saranno abbastanza brevi.

"Sarà facile reclutare pazienti nel mondo intero", secondo Widmer. Lo studio clinico durerà da due a quattro settimane, periodo durante il quale verranno esaminati efficacia ed effetti dei farmaci.

A suo avviso, i medici non aspetteranno l'omologazione del medicinale per prescriverlo. È il caso di quanto sta accadendo con l'idrossiclorochina, una sostanza contenute in alcuni farmaci utilizzati contro la malaria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.