Navigation

Coronavirus aggraverà la crisi alimentare nel mondo

L'epidemia avrà un impatto anche sui più deboli. KEYSTONE/AP/STR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 aprile 2020 - 17:30
(Keystone-ATS)

Il Covid-19 espone i paesi vulnerabili a nuovi rischi alimentari. Nel 2019 sono 183 milioni le persone classificate in stato fame acuta e a rischio di cadere in stato di crisi in caso di emergenza, come la pandemia in corso.

È quanto emerge dal Rapporto 2020 della rete globale contro le crisi alimentari, pubblicata oggi dall'alleanza internazionale di agenzie Onu, governative e non governative.

Secondo il Rapporto in dicembre 135 milioni persone sono state esposte ad insicurezza alimentare acuta in 55 paesi di mondo, registrando il più alto livello documentato dalla prima edizione nel 2017. In particolare, nei 55 paesi esaminati, 75 milioni di bambini sono risultati affetti da rachitismo e 17 milioni da deperimento. I principali fattori alla base di questi trend, evidenzia il rapporto, sono stati i conflitti, l'insicurezza alimentare, gli eventi climatici estremi e le turbolenze economiche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.