Navigation

Coronavirus GR: Governo in aiuto a vittime di violenza domestica

Si intitola "Abbi coraggio!" la nuova campagna lanciata dal Governo retico contro la violenza domestica durante la pandemia di Coronavirus. Governo grigionese sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 aprile 2020 - 10:07
(Keystone-ATS)

Il Governo grigionese corre in aiuto delle vittime di violenza coniugale con la diffusione del coronavirus, scandendo questi slogan: "Apri gli occhi", "Abbi coraggio!", "Prima accade, meglio è".

In una nota odierna le autorità retiche spiegano che la situazione attuale caratterizzata dall'implementazione delle misure volte ad arginare la diffusione della pandemia, l'incertezza e le ristrettezze di spazio nella propria abitazione, possono portare a conflitti nei rapporti di coppia e in famiglia e quindi a un aumento degli episodi di violenza domestica.

I diversi servizi che offrono aiuto e sostegno, protezione e consulenza nei Grigioni, si ricorda, continuano a essere a disposizione delle persone interessate. In caso di denuncia la polizia offre immediatamente protezione e aiuto.

L'aiuto alle vittime, si precisa, offre sostegno a donne, uomini, bambini e adolescenti vittime di violenze, anche in ambito giuridico. A donne e bambini che non sono più sicuri a casa loro vengono messe a disposizione strutture di accoglienza.

"La violenza domestica ha molti volti"

Le autorità ricordano che la violenza domestica è un fenomeno complesso, che può assumere svariate forme e non conosce frontiere: né geografiche, né culturali o sociali. Essa comprende tutti gli atti di violenza fisica, sessuale, psicologica o economica, che si manifestano all'interno della famiglia o dell'economia domestica, tra attuali coniugi o ex partner.

La violenza domestica può manifestarsi infatti in caso di separazione anche se il partner non ha più lo stesso domicilio della vittima. In altri casi possono emergere episodi di violenza sui figli oppure su persone anziane.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.