Navigation

Corte Strasburgo sospende pubblicazione sentenze

La corte di giustizia riduce l'attività. KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2020 - 11:41
(Keystone-ATS)

La Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo ha deciso di sospendere la pubblicazione di tutte le sentenze e le decisioni "fino a quando non potrà condurre in modo normale il proprio lavoro".

Garantendo tuttavia che i giudici continueranno a esaminare i ricorsi in arrivo e già pendenti.

A renderlo noto è la stessa Corte, che sin dal 16 marzo ha adottato una serie di "misure eccezionali legate alla crisi sanitaria globale". Alcune fonti indicano all'Ansa che la decisione di sospendere la pubblicazione deriva anche dalle difficoltà incontrate dalla Corte nell'informare preventivamente le parti, come previsto dalle regole.

In una nota, la Corte ricorda che dal 16 marzo sono state finalizzate 64 sentenze e 172 decisioni relative ad altrettanti ricorsi pendenti. Inoltre, dal 16 marzo Strasburgo ha sospeso per un mese la regola che impone a chi fa appello alla Corte di presentare il proprio ricorso contro lo Stato entro sei mesi, e anche tutti i limiti temporali imposti alle parti per presentare documenti e argomentazioni nei ricorsi già pendenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.