Navigation

Corte Suprema indiana, smog minaccia tutti

Sono giornate difficili per chi vive nella capitale indiana. KEYSTONE/EPA/STR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2019 - 21:30
(Keystone-ATS)

"Nessuno è al sicuro, nemmeno dentro casa. È una cosa atroce: come si può sopravvivere in quest'aria?": con queste drammatiche, ma realistiche osservazioni, la Corte Suprema indiana è intervenuta oggi con forza sull'inquinamento che sta soffocando la capitale indiana.

A conclusione di una lunga udienza sullo smog, che ieri in città ha toccato livelli da apocalisse, i peggiori da tre anni, la Corte ha messo al bando, fino a data da stabilirsi, tutti i cantieri in città, edilizi e stradali, ha proibito di bruciare a cielo aperto i rifiuti e ha bandito l'uso di generatori a diesel.

Per la prima volta, i magistrati della Corte Suprema hanno detto apertamente che i governi degli stati devono essere ritenuti legalmente responsabili dell'attentato alla salute dei cittadini e hanno sostenuto che "nessun contadino ha il diritto di bruciare i campi", sposando quindi la tesi del governatore di Delhi, secondo il quale la maggiore causa dell'emergenza in corso sono gli incendi delle stoppie.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.